Addominali in forma dopo il parto

Mag 05, 13 Addominali in forma dopo il parto

E’ normale che dopo il parto, i tessuti addominali della neo-mamma, risultino molli e privi di qualsiasi forma, specialmente all’altezza dell’ombelico.

I muscoli di quest’area si sono indeboliti, quindi è necessario fare degli esercizi per stimolarli e rimodellarli. E’ bene quindi precisare che è inutile e può essere persino dannoso, praticare questi esercizi durante la gravidanza, perché i tessuti sono fisiologicamente preparati per accogliere la piccola vita crescente dentro la pancia e si possano provocare danni al bambino.

foto-addominaliAttenzione, però: prima di iniziare qualunque attività fisica, è bene chiedere consiglio al medico, specialmente per chi ha partorito il proprio bambino,con parto cesareo. Sarà solo lo specialista che potrà autorizzare le puerpere a praticare qualsiasi allenamento, anche il più dolce che esista.

Shirley Sahrmann è una fisioterapista con specializzazione in riabilitazione addominale. Quale persona migliore per studiare degli esercizi appositi, per tonificare l’addome dopo una gravidanza? E’ importante cogliere i segnali del proprio corpo, quindi si consiglia di procedere lentamente ed essere sicure sull’esercizio corrente, prima di passare a quello successivo.

Non sono esercizi difficili:

  1. la prima fase è  un riscaldamento, che consiste nello stare sedute e tirare indietro la pancia per almeno 5 secondi, oppure sdraiate a terra sulla schiena, con braccia lungo i fianchi, le ginocchia piegate e i piedi appoggiati su pavimento, inspirando ed espirando un paio di volte, senza appiattire la schiena o inclinare il bacino. Una volta pronte, inspirare lentamente e profondamente, poi espirare stringendo i muscoli della pancia, tirando l’ombelico verso la spina dorsale;
  1. foto-addominali.solo quando si padroneggiano bene gli esercizi di base, è possibile passare al livello successivo, senza fare sforzi eccessivi e procedendo molto lentamente e tranquillamente. Sempre sdraiate a terra, con ginocchia piegate, braccia lungo i fianchi  e piedi appoggiati al pavimento, continuando a respirare, piegare una gamba con i piede appoggiato a terra, poi distendere lentamente la gamba opposta finché non sarà tesa senza toccare il pavimento, poi ritornare alla posizione di partenza, rilassando i muscoli addominali;
  2. ripetere, usando l’altra gamba, fino a 20 ripetizioni per ogni arto, senza perdere la contrazione addominale. Quando si arriverà a padroneggiare bene l’esercizio in questione, si è pronte per passare ai prossimi esercizi.

.

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.