All’Angelo e’ nato il primo bambino con l’epidurale gratuita

Gen 26, 13 All’Angelo e’ nato il primo bambino con l’epidurale gratuita

Diamo il benvenuto a Pietro, il primo bambino nato grazie al parto senza dolore, presso l’ospedale dell’Angelo da mamma Sabina, che ha scelto di usufruire gratuitamente dell’anestesia epidurale, disponibile da questo inizio anno tramite il Ssn.

Ebbene si, lo scorso mercoledì alle 17.30 è nato infatti Pietro, di 2 chili e 800 grammi, da mamma Sabina Pinato, di 30 anni, che ha partorito ricorrendo per prima in quel di Mestre, alla tecnica dell’epidurale, disponibile da inizio 2013 gratuitamente, vivendo così, come dalle sue parole «Una esperienza bellissima>>.

Mamma Sabina, racconta infatti del suo parto, di aver vissuto grazie all’epidurale, ossia una pratica di anestesia loco-regionale «Una esperienza bellissima che consiglio a tutte le donne.>> e quanto al suo parto dice <<Ho potuto partecipare attivamente a tutte le fasi del parto del mio primo bambino senza sentire alcun dolore» e tiene a precisare «Era proprio la paura di soffrire che mi preoccupava di più durante la gravidanza. Invece grazie all’iniezione peridurale il parto è stato una grande gioia e basta».

foto epiduraleUn aiuto quindi davvero prezioso per mamma Sabina ma anche per papà Diego, che quanto al parto rivela essere stato particolarmente «emozionato ma sollevato nel vedere che Sabina non soffriva», grazie all’aiuto delle anestesiste Teresa Battistini e Silvia Zampieri e dalle bravissime ostetriche.

Un parto quello dell’epidurale, detto anche parto-analgesia, attuato grazie alla collaborazione tra il reparto di Anestesia e rianmazione diretto dal primario Carlo Maggiolo ed il reparto di Ostetricia e ginecologi, diretto da Tiziano Maggino, che, come spiega la responsabile del servizio Teresa Battistini «è ritenuta oggi il metodo più sicuro ed efficace per controllare il dolore del travaglio e del parto. La stessa iniezione non provoca alcuna sofferenza».

L’epidurale, dona infatti alla partoriente una notevole attenuazione del dolore delle contrazioni, che vengono comunque percepite dalla mamma, consentendole così di partecipare attivamente al parto, mantenendo viva la capacità di fare gli sforzi necessari per dare alla luce il proprio bambino.

Una scelta quella dell’epidurale che la futura mamma può fare dopo aver consultato il proprio ginecologo o la propria ostetrica, onde rivolgersi poi presso il servizio appena nato presso l’ospedale dell’Angelo, per poter contare sul servizio gratuito di anestesia peridurale, che andrà comunicato, prima del parto e quindi aggiunto alla cartella clinica della gravidanza.

Un nuovo servizio gratuito, che, come spiega il direttore generale dell’Asl 12 Giuseppe Dal Ben «... è un ulteriore tassello nell’impegno dell’ospedale dell’Angelo contro la sofferenza inutile e siamo particolarmente lieti di poter offrire alle donne, che lo desiderano, la possibilità di vivere serenamente la maternità».

foto epiduraleUna scelta, quella dell’epidurale, che in base alle statistiche dell’azienda sanitaria veneziana, fatta in media dal 25 al 30% delle partorienti, sia per il primo, che per il secondo figlio: una scelta libera, che ogni mamma ha facoltà di fare, tenendo presente che, seppur con dati discordanti ha rivelato essere l’epidurale talvolta inefficace o avere effetti collaterali per la mamma o il suo bambino.

Detto questo, ad oggi ci limitiamo comunque a dare il benvenuto a Pietro e a questo nuovo servizio gratuito della Ssn.

Di Mamma Melacotta


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.