Allattamento artificiale: questa grande incognita

Set 21, 12 Allattamento artificiale: questa grande incognita

Il latte materno resta l’alimento per eccellenza per il neonato, prezioso in quanto ricco di vitamine, proteine grassi, sali minerali ed anticorpi: tutto nelle giuste proporzioni seguendo l’evoluzione fisica del bambino in ogni sua fase. Sempre pronto all’uso ed alla giusta temperatura, rispettando la regola della domanda e dell’offerta, il latte materno e’anche gratis: cosa che di questi tempi non guasta … cosa dire, e’ perfetto!

Ma cosa succede se per un motivo o per un altro, il latte materno viene a mancare o la mamma non può’ allattare? Se il latte materno viene meno, ci rivolgiamo alla vasta gamma di latti artificiali studiati per rispondere alle esigenze fisico-nutritive del bambino ma il vero dilemma è … come orientarsi e comportarsi davanti all’allattamento artificiale? … e ancora, quale latte scegliere visto i numerosi prodotti sul mercato?Foto allattamento seno

Indubbiamente un aiuto prezioso arriva dal nostro bravo pediatra, che ci indicherà’ quale prendere ma considerando che “la mamma è sempre la mamma”, solo noi mamme possiamo effettivamente vedere se quel latte e’ adatto a nostro figlio o no: un buon latte artificiale deve saper far crescere un bambino non solo fisicamente ma anche intellettualmente ed effettivamente, le migliori marche sono quelle che hanno centri di ricerca e cooperazioni ospedaliere alle spalle.

Tenete presente, care mamme, che una buona pubblicità’ che ci incolla davanti alla TV o ci invoglia ad acquistare un prodotto, non vuol dire necessariamente buona marca: ci sono latti in polvere che non hanno ne’ pubblicità’ assillanti ne’ una bella e comoda confezione ma che sono eccellenti e cosa non meno importante sono meno cari … secondo il detto ”l’abito non fa il monaco”, considerando anche il fatto che gli ingredienti delle varie marche di latte artificiali si assomigliano tutte (se avete un amico farmacista chiedetegli di farvi vedere le confezione delle diverse marche e vi renderete conto voi stesse!)

Il latte artificiale in polvere non va dato a richiesta come il latte materno ma deve seguire delle regole che siano di orario delle poppate, di sterilizzazione e di conservazione, che sono riportate sulla confezione, di cui ecco un estratto:Foto bimbo biberon

  • la poppata va fatta fare ogni 3 ore, 3 ore e mezza (alvo diverso parere del medico): se il bambino dorme chiaramente non va svegliato, perchè vuol dire che sta bene ed infatti anche se sono piccoli, si autoregolano benissimo;
  • il biberon e la sua tettarella vanno sterilizzati a caldo o a freddo ad ogni poppata ma senza crocifiggersi se una volta sfugge;
  • il latte artificiale e’ costoso ma anche se siete dell’idea (come me) che il cibo non si butta, è bene non ridare mai al bambino il latte avanzato: il latte che il bambino lascia va buttato!!

Il rapporto che si instaura con un figlio allattato al seno, e’ forte e crea un’intimità’ surreale ma badate, se allattate vostro figlio al biberon potete lo stesso tenerlo in braccio come se lo allattaste dal vostro seno cosi che guardandovi negli occhi potrete capirvi conoscervi e trasmettervi tutte le sensazione che entrambi provate: allattamento artificiale o al seno vostro figlio vi amerà’ ugualmente!

Di Gabriella Faiazza


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.