Astrologia: i bimbi nati sotto il segno dell’ariete

Mar 12, 15 Astrologia: i bimbi nati sotto il segno dell’ariete

ARIETE

21 MARZO – 20 APRILE

Elemento: Fuoco

Pianeta: Marte

Segno: cardinale

foto-bimbi-segno-arieteEccoci nel pieno fulgore primaverile dove nasce, emerge e scoppia l’ardore del fuoco arietino.

Primo segno dello Zodiaco,primo tra i primi” (così tende a sentirsi), il bimbo dell’Ariete, dominato dal Dio Marte, signore della guerra, dei tumulti, delle battaglie, può rappresentare una vera e propria sfida per gli altri membri della famiglia, in particolar modo per il padre e i fratelli: il suo temperamento fortemente marziano avrebbe la capacità di indurre il nativo ad eccedere, qualora mancasse un vero ed equilibrato modello educativo, ma spesso dietro un atteggiamento all’apparenza aggressivo e smisurato, si nasconde un animo tenero e bisognoso di attenzioni e sicurezze. Eccolo quindi mascherare il proprio bisogno di conferme e certezze. Cercate quindi di dimostrarvi comprensivi, attenti e premurosi; infondetegli fiducia, oltre a dargli il vostro supporto nonché, ovviamente, il vostro affetto, quello non deve mancare mai, indipendentemente dallo Zodiaco poiché non c’è bimbo che non meriti le cure e l’amore dei propri genitori!

L’energia di cui dispongono li può rendere particolarmente vivaci, attivi, impulsivi, cocciuti, forse un po’ prepotenti sempre alla ricerca di considerazioni, luci e riflettori, ma queste adorabili piccole pesti sanno essere anche affettivamente espansive e generose. Quasi completamente incapaci di mentire (sono di una sincerità a volte disarmante), si dimostrano corretti e leali verso il prossimo, sempre pronti a scendere in campo per difendere i più deboli.

foto-arieteCONSIGLIO: si tratta di un segno molto virile che ama competere: una buona idea sarebbe quella di avvicinarlo a sport agonistici che lo aiutino ad arginare la sua forte carica vitalizzante canalizzandola in una precisa direzione. Questo è un bambino che ama molto le vittorie, poco le sconfitte, ma con il tempo e l’età arriverà a comprendere che anche le sconfitte servono per crescere e migliorarsi e che questo porterà ad altre nuove, avvincenti e stimolanti vittorie.

.

di Stefania Nardi


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.