Babywearing: i benefici di portare i bimbi in fascia

Mar 05, 16 Babywearing: i benefici di portare i bimbi in fascia

Sono sempre di più le mamme ed i papà italiani che scelgono il Babywearing, vale a dire l’antica pratica di portare i bimbi addosso a sè, in fascia; una pratica non solo comoda, in quanto sono davvero molti i benefici di portare i bambini in fascia con il Babywearing

A dispetto infatti di quanti molti credano, sono numerosi i i benefici del Babywearing di portare i bimbi in fascia, non solo per il bambino, ma anche per la mamma ed il papà.
foto-babywearing-dollBenefici nei quali molti genitori del nostro Belpaese credono fermamente, come dimostra uno studio condotto da Licia Negri, autrice del libro “Lasciati abbracciare”, edito da Trevisini Editore, su un campione di ben 1.321 responder coinvolti sul tema, aventi un’età compresa tra i 18 e i 50 anni, dei quali:

  • il 75% sta usano fasce porta bebè;
  • il 17% le ha usate in precedenza;
  • il 7% è orientato alla pratica del babywearing.

Come spiega Licia Negri: “Nella mia esperienza personale, portare è stato sinonimo di abbracciare” e chiarisce “un modo per mettermi in ascolto dei miei bisogni e di quelli di Luca il mio bambino.” sottolineando “Abbracciarci ci ha aiutati a crescere. Entrambi. Per capirci quando parlo di abbraccio intendo quello vero, non quello sfiorato, sfuggente, di cortesia, ma l’abbraccio che avvolge e protegge, nel quale lasciarsi andare” e chiarisce “identificato con la pelle, organo sensibile e ricettivo” ed invita “Recuperiamo allora il nostro istinto e lasciamoci abbracciare!””.
E non a caso, ciò che induce alla pratica del Babywearing è per:

  • il 60% la consapevolezza di usarlo perché “salutare”;
  • l’87% il fatto di amare di stare il contatto col bebè;
  • l’83% il fatto di trovarlo molto comodo;
  • il 98% la convinzione che il bambino ne tragga beneficio, in quanto si calma con facilità e in molti casi si rilassa fino ad addormentarsi, lasciando al genitore la facoltà di essere multitasking, riuscendo a fare più cose contemporaneamente, pur godendo della presenza e del contatto col bebè.

foto-babywearing-spesaCome sottolinea la Dottoressa Daniela Wenger Uslenghi, psicologa e psicoterapeuta all’Istituto Hoffman: “La modalità bambino e genitore col Babywearing è molto interessante, dato che il bimbo può partecipare alla vita degli adulti, mantenendo uno stretto contatto fisico anche se mamma e papà stanno svolgendo altre attività” e sottolinea “Sappiamo bene quanto questo contatto sia determinante per la crescita ed il benessere di un bambino, che sviluppa così una base sicura, soprattutto nei primi anni, che lo porterà ad essere autonomo”.
Un beneficio però duplice, che riguarda anche l’adulto che grazie al Babywearing, vivendo col bambino, sviluppa gli ormoni del benessere, migliorando l’emotività e la serenità, come conferma il 95% delle mamme e dei papà intervistati, che si sente molto appagato e più sicuro di sé. Una pratica usata nel:

  • 43% un paio d’ore al giorno;
  • nel 33% dalle 2 ore alle 4;
  • nel 13% oltre le 4 ore;
  • nell’11% meno di un’ora.

Un contatto, che alla domanda “Pensa che portare, se possibile, il proprio bimbo, possa essere di beneficio in presenza di bisogni speciali?” ha visto rispondere positivamente nel 95,14% i genitori, specificando che, nel caso di bimbi prematuri il contatto continuo è stato di enorme beneficio.


0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. ”Portare in fascia” i bebè, perché? (Corso) – Arezzo per bimbi - […] (fonte: web) […]

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.