Bronchiolite: cos’e’ e come curarla

Giu 02, 13 Bronchiolite: cos’e’ e come curarla

La bronchiolite è una infezione dei piccoli bronchi, o anche bronchioli, che interessa in particolar modo i bambini, di età al di sotto dei due anni, cioè, un’infezione che interessa le vie aeree e che può far insorgere problemi alle vie respiratorie. Le cause della bronchiolite, possono essere varie e molteplici ma principalmente, il responsabile è il Virus Respiratorio Sinciziale, detto anche VRS, un virus che può colpire a tutte le età e che non lascia un’immunità, motivo per cui, può capitare che si presenti anche più volte nel corso della vita del soggetto.

Nei bambini più grandicelli, così come anche negli adulti, il VRS – Virus Respiratorio Sinciziale – comporta i sintomi di un banale raffreddore, mentre invece nei bambini più piccoli, al di sotto dei due anni, se trascurato può comportare anche manifestazioni più gravi ed importanti.

foto-Bronchiolite.Da considerarsi che il periodo più critico per la bronchiolite, è la stagione invernale, poiché il virus si diffonde principalmente da novembre a marzo, mentre il picco si verifica tra gennaio e febbraio.

Inizialmente come detto, comporta i sintomi di un comune raffreddore, come il naso chiuso, la tosse e a volte la febbre, che trascorsi, nella maggior parte dei casi vedono il soggetto interssato guarire, ma in alcuni bambini, possono comparire dei gravi segni di insufficienza respiratoria.

Le forme più leggere di bronchiolite possono essere gestite anche da casa, ma è comunque pur sempre bene, far vedere il bambino dal pediatra, che sarà in grado di fare una diagnosi precisa e prescrivere dei farmaci adeguati a seconda del caso.

foto-Bronchiolite..I sintomi della bronchiolite sono comunque del tutto simili a quelli della bronchite asmatica: un fatto questo, che ha fatto notare che i bambini che hanno precedentemente avuto una bronchiolite al di sotto dei due anni, sono più predisposti a soffrire di bronchite asmatica, specie se in famiglia ci sono già soggetti che soffrono di asma.

Va detto infine, che da alcuni anni a questa parte, solo per bambini ritenuti più a rischio – cioè quelli prematuri ed i soggetti con patologie croniche – sono disponibili degli anticorpi monoclonali, ricostruiti in laboratorio, che una volta somministrati tramite una iniezione al mese, nel periodo tra novembre e marzo, aiutano a prevenire l’infezione.

.

di Mena


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.