Come convincere il bambino a fare l’aerosol

Mag 05, 13 Come convincere il bambino a fare l’aerosol

L’aerosol spesso diventa l’unico metodo per far passare malattie come il raffreddore, le bronchiti, le bronchioliti, le faringiti e le tossi.. ma spesso e volentieri i bambini si rifiutano di farlo. Allora ecco per tutte le mamme ed i papà, alcuni metodi per convincere il bimbo a fare l’aerosol.

Gli esperti consigliano di sdrammatizzare e provare a distrarlo, quindi uno dei metodi più efficaci risulta essere leggergli una storia, od inventarne una … Tutto passerà quando si accorgeranno di stare meglio. È importante peraltro, gli esperti dicono, non enfatizzare il momento.
Giovanni Poggi, del reparto di Pediatria all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze, dichiara “Giocare o leggere un libro può aiutare a non pensarci. Poi sarà lui stesso ad accorgersi che il trattamento lo fa stare meglio, e comincerà a non rifiutarlo in futuro.”

foto-aerosol..Un altro consiglio che possiamo darvi è quello di scegliere un apparecchio silenzioso. Quelli meno rumorosi sono i nuovi apparecchi, meglio ancora se con gli ultrasuoni. Il rumore è una delle cause che donano fastidio ai piccoli.

È sconsigliato quindi, da Gian Vincenzo Zuccotti, professore dell’azienda ospedaliere Luigi Sacco di Milano, fare l’aerosol al bambino mentre dorme. Per inalare le sostanze in modo corretto si ha bisogno di un minimo di partecipazione da parte del bambino, o tutto il lavoro andrà perduto. Alcuni genitori prendono in considerazione questa “tecnica” come soluzione estrema, ma non aiuta il bambino a superare il rifiuto.
foto-aerosolIn alcuni casi esistono anche alternative efficaci all’aerosol e lo ricorda Salvatore Renna, della UOC Pronto Soccorso e medicina d’urgenza pediatrica, del Gaslini di Genova.
Il distanziatore è un dispositivo dotate di due aperture, una dedicata allo spray, e una per la bocca. Questo dispositivo consente di rendere molto più veloce il trattamento, perché il bambino in questo modo dovrà semplicemente respirare all’interno per pochissimi secondi.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.