Come gestire i momenti critici del bambino

Mag 02, 13 Come gestire i momenti critici del bambino

Nei primi anni dei bambini ci sono situazioni difficilissime da gestire, e specialmente se si è genitori per la prima volta, non si sa mai come gestire questi momenti. Qui di seguito vi daremo dei piccoli consigli per gestire queste fasi critiche ed eventuali capricci del bambino, qualora si presentassero.

Innanzitutto partiamo dagli scatti d’ira e diciamo che sono tanto frequenti quanto normali nei bambini piccoli. Per poterli gestire bisognerà mantenere la calma, e non urlare altrimenti non si farà altri che agitarlo di più. E’ importante mantenere la propria posizione e sostenere le proprie idee, aiutando il bambino a capire il significato del no che gli ha scaturito questi scatti.

Spesso il bambino si arrabbia se viene lasciato dalla sua mamma.

foto-capricci-bambino.È sempre più frequente nei bambini che vengono affidati all’asilo, dai nonni o con la tata, e la rabbia che conservano per tutta la giornata li fa esplodere contro la propria mamma che ha dovuto trascorrere la giornata a lavoro. In questi casi è meglio lasciare libero sfogo al bambino e poi fargli capire che alcune parole possono ferire la mamma.

La routine, specialmente riguardo gli orari che riguardano la nanna, sono molto importanti perché infonde sicurezza. Bisognerà insegnargli un certo tipo di routine e per ultimo metterlo a letto, così facendo il bambino imparerà a fare determinate cose quotidianamente ed avrà un orario preciso per mettersi a letto senza troppi capricci.

Se il bambino si rifiuta di mangiare – ad esempio a pranzo – più avanti durante la giornata – per la merenda – chiederà di più da mangiare.

foto-capricci-bambinoLo sbaglio più commesso dalle mamme è permettergli di mangiare a sazietà durante le merende, se a mezzogiorno, non ha mangiato  abbastanza. Mangiare durante la merenda va benissimo, ma che rimangano merende e non pasti principali.

Quando è in arrivo un fratellino o una sorellina, può succedere che il bimbo si senta trascurato e scombussolato. È importante quindi man mano aiutarlo ad accettare la situazione, rendendolo partecipe fin da subito … dai mesi della gravidanza.

.

di Mena


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.