Come preparare il latte artificiale (formulato)

Ott 14, 12 Come preparare il latte artificiale (formulato)

E’ importante ricordare che non dovrebbero ricevere sostegno solo le mamme che allattano al seno ma anche quelle che non riescono e scelgono o sono costrette all’allattamento artificiale. Non si è una mamma peggiore solo perché si deve allattare il proprio cucciolo con l’allattamento artificiale.

I latti formulati in commercio non contengono sicuramente tutto quello che contiene il latte materno ma sono adeguati alla crescita regolare del bambino.

Esistono poche regole per preparare bene un biberon Ciò che è importante imparare a fare è sterilizzare e gestire in modo corretto il biberon per diminuire le infezioni e le conseguenti diarree che sono la malattia più frequente nei lattanti.

Proprio in tal senso, ecco per tutte le mamme che si trovano oggi ad avere a che fare con latti formulati e biberon, qualche semplice ma preziosa regola da rispettare:

  • Foto bimbo preparazione latte artificialeper prima cosa lavare le mani sempre prima di maneggiare il biberon ma soprattutto dopo aver cambiato il bambino, sembra scontato ma magari lo diventa meno con un neonato urlante e pochi minuti di sonno sulle spalle;
  • prima di preparare il latte formulato, lavare il biberon accuratamente in acqua calda e con uno scovolino da bottiglie per non lasciare residui all’interno dello stesso. Pulire con attenzione tettarella e ghiera. Prendere bottiglia ghiera e tettarella e metterli nell’apposito sterilizzatore a vapore o nelle soluzioni a freddo. Un biberon chiuso sterilizzato rimane sterile per 24 ore;
  • Foto misurini latte polvereprendere un bollitore e scaldare l’acqua ad almeno 70 gradi. Versare la giusta quantità di acqua nel biberon, ricordando che è meglio non utilizzare acqua della bottiglia non riscaldata ed aggiungere la dose di latte in polvere consigliata dal pediatra. E’ importante che sia giusta la diluizione, in quanto in caso di troppa polvere, il bimbo rischia di disidratarsi, mentre se è troppo poca, il bimbo avrà fame prima del tempo dovuto.Non aggiungere altresì farine al latte che cambierebbero la concentrazione degli elementi nutritivi contenuti;
  • fare raffreddare il biberon e provare la temperatura del latte nell’incavo interno del polso, per verificare se la temperatura è adeguata ed andrà bene anche per il palato del lattante;
  • Foto biberonnon riporre il biberon in frigorifero già pronto, è sempre meglio che vengano preparati e consumati nel giro di un’ora due. Il latte formulato è dolce e si contamina facilmente di batteri, batteri che anche se pochi, bastano ad attaccare il piccolo, che è ancora immaturo immunologicamente, per cui se il bambino avanza del latte è meglio buttarlo e non riproporlo al pasto successivo. Altresì non va mai forzato il bambino a finire il biberon ma deve mangiare solo quello che desidera;
  • se si esce portare da casa acqua bollita e ricostituire il latte al momento della poppata in un biberon sterilizzato;
  • durante la notte la tentazione sarebbe quella di usare un biberon già pronto conservato in frigorifero, ma in realtà e’ meglio tenere solo acqua preparata in frigorifero e aggiungere la polvere in un secondo momento;
  • Foto bimbo biberon latte artificialeper riscaldare il latte sia materno che artificiale conservato in frigorifero, sarebbe meglio non usare il forno a microonde che può degradare alcune vitamine ma il modo migliore per scaldarlo è a bagnomaria e buon appetito bimbo!!!

Di Roberta Tonini


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.