Come rimproverare il bambino ma farlo sentire amato

Mag 03, 13 Come rimproverare il bambino ma farlo sentire amato

Si è scoperto che è possibile rimproverare il bambino, senza però fargli dubitare del nostro amore. Il metodo messo a punto è stato il frutto di Gerard E. Nelson, uno psichiatra infantile americano, che lo ha chiamato “La sgridata da un minuto”, che si è poi rivelata valida sia in famiglia che a scuola.

È stato scientificamente provato che la capacità di attenzione di un bambino è brevissima, e per potersi rinnovare ha bisogno di continui stimoli. Pertanto: niente prediche, niente ricatti, niente accuse e nemmeno punizioni. Gerard Nelson ha provato che la sgridata funziona davvero se è breve, immediata, si limita ad un episodio solo, avviene in intimità ed è rassicurante.

foto-sgridare-bimboMa vediamo passo dopo passo, ogni aspetto della “sgridata da un minuto”.

Cosa significa che dev’essere breve?
Innanzitutto deve essere una sgridata non deve protrarsi per più di un minuto. 60 secondi devono bastare. Come abbiamo precedentemente detto la capacità di attenzione dei bambini è breve e lo psichiatra spiega anche che dopo un po’ il bambino è come se spegnesse l’audio, e tutto ciò che gli si dice potrebbe scivolargli addosso.

Per quanto riguarda l’immediatezza?
È importante che la sgridata venga fatta al momento, non appena si presenta l’accaduto. Il bambino vive in un eterno presente, se così vogliamo dire, ed è incapace di prevedere il futuro o ricordare al passato. Pertanto, non bisognerà rimandare la ramanzina, bensì farla al momento.

Se il bambino ha commesso più errori, perché limitare la ramanzina ad uno solo?
Come abbiamo già spiegato nei precedenti punti: il bambino spegne l’audio dopo un po’ di tempo e la ramanzina dev’essere fatta al momento. Bisogna evitare i lunghi rimproveri che comprendano più episodi, perché molto probabilmente non ne ricorderà molti.

foto-coccoleSe il bambino al momento è in pubblico, come faccio a  fargli un rimprovero in intimità?
Semplice: bisognerà semplicemente prenderlo da parte. Rimproverarlo di fronte agli amichetti, o di fronte a degli estranei è avvilente per il bambino, e portandolo da parte gli si risparmierà una umiliazione.

Come faccio a fargli capire che gli voglio bene ugualmente?
Una cosa che il bambino non sa è che se la madre, o il padre, gli fa un rimprovero è proprio perché lo ama tanto, pertanto insieme alla severità che spesso trapela, è importante manifestare allo stesso momento amore, stima e fiducia.

.

di Mena


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.