Disotruzione pediatrica

Feb 22, 13 Disotruzione pediatrica

Con i bambini bisogna essere pronti a tutto…

Ieri mattina ho letto un articolo con intervista che mi ha reso veramente felice e orgogliosa. Riassumo in breve un educatore di asilo nido è intervenuto in modo efficace e pronto per salvare una bambina piccola che aveva ingoiato dei pezzetti di carta e non era più in grado di respirare bene ma soprattutto di tossire. La prontezza e la sua capacità gli venivano da aver frequentato un semplice corso di primo soccorso e di aver recepito e applicato in modo corretto una manovra di disostruzione pediatrica. Molta stima per la sua prontezza di riflessi e per aver capito immediatamente, che la bambina in bocca non aveva nulla e che non riusciva a tossire: aveva bisogno di aiuto!

Ma cosa è la manovra di disotruzione pediatrica?

Ogni anno in Italia sono circa una cinquantina i bambini che si ritrovano in pericolo serio per soffocamento da corpo estraneo. Questi bambini vanno incontro a morte se non soccorsi in modo adeguato e pronto. I bambini piccoli conoscono gli oggetti con la bocca durante la fase orale ed è una tappa molto importante per il loro sviluppo e non si può impedire che questo avvenga ma si può cercare di tenere gli oggetti molto piccoli fuori dalla portata dei bambini.

foto disotruzione pediatricaTutti possono fare qualcosa se il bambino inghiotte qualcosa e ha difficoltà di respiro e incapacità di tossire. La tosse è molto importante è un riflesso che permette di espellere un eventuale corpo estraneo.

Esistono corsi che sarebbe bene fossero seguiti come conoscenza personale da mamme, papà nonni e da chiunque ha a che fare con bambini perché possono veramente salvare una vita.

Esistono due tipi di ostruzioni vediamoli:

  • Ostruzione parziale : bambino ha ingerito qualcosa che gli ostruisce le vie aeree ma riesce a piangere e a lamentarsi, tossire o anche a parlare è necessario non fare nulla, evitando quindi pacche o colpi. E’ consigliabile chiamare i soccorsi;
  • Ostruzione totale : il bambino non è piu’ capace di tossire, parlar, piangere tossire e parlare. E’ cosciente e si porta le mani alla gola. Per prima cosa bisogna chiamare i soccorsi sanitari tramite il numero italiano 118 e spiegare la situazione. L’operatore formato e capace mentre invia i soccorsi vi spiegherà come eseguire le manovre corrette per tentare una disostruzione. Per prima cosa aprire la bocca del bambino e se è visibile qualcosa in bocca cercare di afferrarlo con le dita a pinza.

Lattante:

  1. foto disotruzione pediatricascoprire il lattante, afferrarne la mandibola ( attenzione a non stringere il collo) e metterlo in posizione a pancia in giù, a gambe divaricate sul proprio avambraccio, tenendo fermala testa e in modo saldo;
  2. con l’altra mano, dare all’infante fino a 5 energiche pacche tra le due scapole dirigendosi verso l’esterno per non colpire la testa;
  3. afferrare quindi la nuca del bambino e sdraiarlo, ora a pancia in su, sull’altro avambraccio;
  4. con la mano ora libera effettuare fino a 5 compressioni toraciche, lente ma profonde, tra i capezzoli: per farle, si utilizzano due dita, avendo cura di mantenere sempre ferma e in posizione la testa. La tecnica è la stessa della rianimazione cardiopolmonare;
  5. continuare ad alternare 5 pacche e 5 compressioni fino alla disostruzione.

Bambino piu’ grande e non tenibile sulle ginocchia:

  1. foto disotruzione pediatricaporsi alle spalle del bambino e, sostenendolo con una mano, farlo chinare leggermente in avanti;
  2. con l’altra mano, dare al bambino fino a 5 energiche pacche interscapolari con via di fuga laterale, ovvero avendo cura di non colpire la testa;
  3. portare entrambe le mani, chiuse a pugno, alla bocca dello stomaco, subito sotto le ultime coste;
  4. dare fino 5 colpi verso di sé (ovvero verso l’interno e verso l’alto), con la stessa tecnica della manovra di Heimlich;
  5. continuare ad alternare 5 pacche e 5 compressioni fino alla disostruzione.

Informazioni AREU Lombardia, P-BLS in Corso regionale soccorritore-esecutore.

.

Di Roberta Tonini


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.