I bambini di Viterbo bevono ancora arsenico

Apr 28, 13 I bambini di Viterbo bevono ancora arsenico

Viterbo – Dopo l’allarme dell’Istituto Superiore di Sanità sulla salute dei più piccoli e l’intervento dell’Autorità dell’Energia  sulle bollette, torna ancora la vicenda dell’acqua all’arsenico di Viterbo e provincia.

Il Fatto Quotidiano torna ad occuparsene, tramite il video che potete vedere cliccando QUI e lunedì 29 aprile, a partire dalle ore 10:00, se ne occuperà anche Unomattina, il programma di RaiUno.
L’Autorità per l’energia ha già avviato un’istruttoria conoscitiva per l’erogazione delle acque con contenuti di arsenico e fluoro, non idonei ai limiti previsti dalla legge.

foto-acqua-viterbo.L’Autorità intende individuare misure a favore degli utenti per compensare la distribuzione di acqua non idonea e non potabile.

Ancora, l’Autorità ha deciso di verificare se i gestori abbiano o meno adottato tutte le misure e gli interventi di loro competenza per poter garantire un servizio sostitutivo adeguato della fornitura di acqua potabile, e per ricondurre le concentrazioni di arsenico e fluoro entro i valori previsti dalla normativa.
È ancora un mistero il perché ancora oggi vi sia dell’arsenico, ed in aggiunta del fluoro, nell’acqua di Viterbo e degli annessi comuni.
L’istruttoria che si condurrà entro 180 giorni, è stata avviata dopo che l’Autorità ha ricevuto diverse istanze da parte di alcuni Comuni del Lazio, coinvolti dalle ordinanze sindacali che hanno subito limitato l’uso potabile di tale acqua.
foto-acqua-viterbo..In queste istanze si chiedeva ai Comuni delle riduzioni della relativa tariffa ai servizi di acquedotto, e si chiedeva inoltre all’Autorità di prevedere, per un futuro speriamo prossimo, delle riduzioni automatiche per i meccanismi di determinazione della tariffa, in caso di emissione di ordinanza di non potabilità.

.

di Mena


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.