Il barbiere per autistici taglia sdraiato a terra

Lug 01, 16 Il barbiere per autistici taglia sdraiato a terra

Forse non tutti sanno che è molto difficile che un autistico si faccia mettere le mani in testa e cosa non meno importante, non tutti i parrucchieri sanno come comportarsi; ma per fortuna esiste un barbiere speciale, il barbiere per autistici che taglia sdraiato a terra

Si, si avete capito bene, perchè come fa sapere il sito pernoiautistici.com il barbiere per autistici taglia i capelli sdraiato a terra! Ma facciamo un passo indietro.
foto-barbiere-autisticiCome dicevamo, è difficile che un autistico si faccia mettere le mani tra i capelli, se li faccia lavare e peggio ancora, sopporti di vedere e sentire sferruzzare forbici e pettini; ma ovviamente non è giusto fare di tutta un’erba un fascio e molti ce la fanno, ricorrendo ad esempio alla creatività!
E proprio grazie alla creatività, dopo mesi e mesi di tentativi, ecco il colpo di genio di James Williams, un barbiere gallese: sdraiarsi sul pavimento di fianco a Mason, un bimbo affetto da autismo, per tagliargli i capelli, dandogli il minor fastidio possibile!
La madre del piccolo Mason è rimasta letteralmente senza parole di fronte a questa trovata, grazie alla quale si è riusciti finalmente a tagliare i capelli al bambino, che, fino al giorno prima non ne voleva assolutamente sapere di tagliarli.
Il piccolo Mason infatti, al quale solo qualche mese fa è stato diagnosticato il Disturbo dello Spettro Autistico, ogni qual volta il barbiere si avvicinava con le forbici, scappava, senza lasciargli la minima possibilità di toccargli i capelli.
Ma il barbiere gallese non si è dato per vinto ed ha cercato una soluzione, fino a che ha avuto la grande idea di lasciar giocare il bimbo in pace, sdraiato a terra, per avvicinarglisi in silenzio e con calma, per tagliargli i capelli.
foto-forbiceLieto di essere finalmente riuscito nella sua impresa, James ha deciso di postare le foto del suo successo via social, su Facebook, ringraziando i genitori di Mason, per avergli dato facoltà di condividere la storia in rete:
“Negli ultimi mesi ho provato qualsiasi cosa pur di riuscire nell’intento, ma avvicinarsi a Mason era davvero impossibile” ha scritto James “Quando tutto sembrava perduto, mi sono seduto a terra vicino a lui in silenzio” ha spiegato il barbiere “e in quel momento ho capito che mi dava il permesso di tagliargli i capelli” quindi ha continuato “Adoro vedere i genitori di Mason contenti delle attenzioni che rivolgo al piccolo” ed ha concluso “Ma la cosa più bella è stata quando gli ho chiesto il cinque e lui invece si è gettato tra le mie braccia”.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.