Il mese di nascita influenza il sistema immunitario

Apr 12, 13 Il mese di nascita influenza il sistema immunitario

Importanti novità per tutte mamme ed i papà ed i futuri genitori: una ricerca conferma che i bambini nati a novembre sono i più protetti; mentre quelli nati a maggio sono i più vulnerabili ed a rischio di sviluppare poi una sclerosi multipla.
Questo studio, sviluppato in Inghilterra, sosterrebbe l’influsso del mese di nascita sulle difese dell’organismo. Lo studio, finanziato dal Medical Research Council e dalla Fondazione Italiana Sclerosi Multipla, è stato pubblicato su Jama Neurology. I ricercatori che hanno preso parte allo studio, hanno scoperto che lo sviluppo del sistema immunitario dei neonati ed i livelli di vitamina D variano in base al mese di nascita. Da questo punto di vista, per la ricerca, si è arrivati alla conclusione che i bambini nati a novembre sono quelli più fortunati, risultando anche quelli più protetti.

foto-neonatoMa cosa c’entra la sclerosi multipla? Ce lo spiegano gli scienziati della Queen Mary University, dell’Università di Londra e dell’Università di Oxford, che hanno fornito una base biologica sul perché c’è il rischio di sviluppare la sclerosi multipla nei bambini nati in certi mesi, in particolare nei nati a maggio.
La sclerosi multipla è il risultato di un intervento del sistema immunitario, che danneggia il sistema nervoso centrale. Lo sviluppo di tale malattia è frutto di una complicata interazione tra geni ed ambiente. L’effetto è evidente in Inghilterra dove, come spiegano gli studiosi, il picco di pazienti è stato registrato fra i soggetti nati nel mese di maggio.
Secondo i ricercatori, dato che la vitamina D è formata dalla pelle quando è esposta al sole, l’effetto del mese di nascita proverebbe il ruolo della vitamina D prenatale nel rischio di sclerosi multipla.
foto-cordone-ombelicaleLo studio è stato eseguito su campioni di sangue del cordone ombelicale di 50 bambini nati in maggio e 50 bambini nati in novembre, esaminando vitamina D e cellule T.
Le cellule T sono globuli bianchi ed hanno un ruolo cruciale nella risposta immunitaria dell’organismo. Esse distruggono gli agenti infettivi che invadono l’organismo.
I risultati della ricerca mostrano che i bambini di maggio hanno livelli più bassi di vitamina D – circa del 20 % in meno –, mentre livelli più alti di cellule T – circa il doppio.
Per valutare comunque l’effetto dei supplementi di vitamina D nelle donne durante la gravidanza e l’impatto sullo sviluppo del sistema immunitario del bambino, servono ulteriori studi, studi più approfonditi e a lungo termine.

.

di Mena


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.