La fecondazione assistita costa 15.600,00 euro

Gen 15, 13 La fecondazione assistita costa 15.600,00 euro

La fecondazione assistita – o artificiale – è un processo di procreazione che sta riscuotendo sempre più consensi tra coloro che per i più svariati motivi non sono riusciti a coronare il sogno di diventare genitori in modo naturale.

Un processo che, secondo un’indagine condotta dalla Commissione parlamentare d’inchiesta, riguardo agli errori ed ai disavanzi sanitari, fa sapere, che affidarsi a questi particolari centri di procreazione assistita per acciuffare la cicogna, può costare ben … 15.600,00 euro. Si si, avete capito bene, ben 15.600,00 euro, una cifra che ovviamente è un nulla rispetto al fatto di poter diventare genitore ma che comunque, quanto al portafoglio, è indubbiamente una cifra di tutto rispetto – specie di questi tempi -.

foto fecondazione assistitaUna cifra emersa dall’elaborazione delle risposte fornite ad alcuni questionari, dagli aspiranti genitori, in 96 centri specializzati, dislocati in tutta Italia, dalle quali, è emerso che la fecondazione assistita, ha un costo da un minimo pari a 6.900,00 euro in Emilia Romagna, fino ad un massimo di ben, 15.600,00 euro in Lombardia.

L’indagine svela quindi che il costo finale, si ottiene sommando tutte le varie voci delle spese (le sedute di terapia riproduttiva, le spese per la gravidanza, i costi per la gestione di eventuali complicanze, il costo del parto cesareo, ecc.) sostenute fino al concepimento del bambino.

Un costo, al fronte del quale, le Asl di competenza, rimborsano circa 1.934,00 euro ma a favore – o dispetto – che dir si voglia, di questo rimborso, il sogno di avere un bambino tramite la fecondazione assistita, è rappresentato dal 2,2% dei nuovi nati in Italia.

foto incintaE’ emerso infatti che tra il gennaio 2011 e il giugno 2012, in un anno, si sono sottoposte alla fecondazione assistita ben 50.900 donne, residenti per la maggior parte, nella stessa regione del centro di fecondazione assistita, anche se ci sono anche casi di persone che preferiscono andare in un’altra regione, per lo più in Toscana, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Lombardia. Tra i motivi di questa scelta, il fatto che nelle regioni settentrionali, a dispetto del sud, alcuni trattamenti sono rimborsati dal sistema sanitario regionale.

Costi e rimborsi a parte, non resta che fare un grosso in bocca al lupo, a tutti coloro che sono impegnati nella caccia alla cicogna … e come si dice “figli maschi” o preferireste una femminuccia? In ogni caso, sarà una gioia e felicità immensa … incalcolabile!

Di Mamma Melacotta


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.