Latte materno online: “Ecco perche’ vendo il mio latte”

Ott 19, 15 Latte materno online: “Ecco perche’ vendo il mio latte”

L’allattamento materno è diventato online un vero e proprio business, per un commercio alquanto redditizio, come spiega una semplice mamma che del suo latte materno online spiega: “Ecco perche’ vendo il mio latte”

Intervistata dalla BBC infatti una neomamma ha spiegato come funziona la vendita di latte materno online: e quindi “Ecco perche’ vendo il mio latte” proprio quanto al proprio caso e quindi come ha iniziato a vendere il so latte e come funziona e come è organizzato questo tipo di mercato.
Un mercato del quale da sempre gli esperti sconsigliano di ben guardarsi, scoraggiando gli acquisti ma che invece pare comunque stia diventando sempre un vero e proprio business, sempre più redditizio, specie in paesi quali l’America e la Gran Bretagna, ma non solo.
foto bottigliette latte maternoQuanto a numeri o per meglio dire cifre infatti, le donne inglesi chiedono mediamente una sterlina per circa 30 grammi del loro latte, mentre le americane per la medesima quantità, 2 dollari.
Ma come nasce questo mercato e quindi cosa spinge una neomamma a vendere il suo latte materno? Ebbene, Jade Biddle, 22enne, mamma di un bimbo di 7 mesi e residente a Leominster, nell’Herefordshire, ha iniziato questa “attività” dopo aver visto in tv un’intervista sulla questione, come racconta alla BBC: “Avevo pensato a una donazione in ospedale, ma bisognava superare una selezione, e io non ne avevo voglia.” e da qui come spiega, ha iniziato a vendere il suo latte “Così ho pensato: “Se ne ho più di quello che serve, perché non venderlo?”.
Mamma Jade Biddle chiede 2 dollari per poco meno di 30 grammi del suo latte, e pubblica i suoi annunci di vendita sul sito “Only The Breast”, ossia una comunità specifica per l’acquisto, la vendita e la donazione di latte materno naturale.
Il suo primissimo cliente ricorda, è stato un uomo di circa 55-60 anni, che ricorda Jade: “Ha bussato alla mia porta dicendo che era venuto per comprare latte materno. L’ho fatto venire in cucina e gli ho chiesto se avesse un contenitore refrigerato.” quindi “Gli ho consegnato il latte e mi ha pagato”.
Mamma Jade confessa quindi che sono proprio gli uomini la maggior parte dei suoi clienti e quanto a come hanno “preso” la notizia della sua attività lavorativa i suoi famigliari, racconta:
“Quando hanno saputo della mia attività, i miei amici e la mia famiglia hanno pensato che fosse una cosa strana. Hanno detto che non dovevo farlo, perché non sapevo per cosa l’avrebbero utilizzato.” ma a riguardo spiega “Ma finché la cosa non coinvolge me, non mi interessa. Anzi, ho intenzione di farlo il più a lungo possibile”.
FOTO LATTE MATERNOUn’altra mamma che ha intrapreso l’attività di vendita del latte materno invece, Natasha, 24enne di Nottingham, ha raccontato: “All’inizio non ero d’accordo all’idea di far pagare le persone per i bisogni dei loro bambini. Ma poi ho pensato che non è proprio un bisogno, e in quel caso andava bene anche venderlo”.
Natasha vende il suo latte in a un dollaro per oncia, ma racconta di avere oggi come oggi, qualche dubbio a riguardo, come dalle sue parole: “Era nel mio congelatore, e aveva senso offrirne a chi ne aveva bisogno” ma non come spiega di darlo invece per lo più a uomini che lo vogliono per motivi di salute, ma “di aiutare le madri e le famiglie, e non i ragazzi a perdere peso”.
Come tengono infatti a sottolineare gli operatori sanitari in effetti, hanno fra gli acquirenti di latte materno, sono in aumento feticisti, culturisti e malati di cancro, che nella maggior parte dei casi peraltro, non sanno che potrebbe essere dannoso per la loro salute: un’inchiesta della BBC ha sottolineato come in alcuni di 12 campioni di latte materno venduti online, fossero contenti E. coli e una Pseudomonas aeruginosa, ossia un batterio che ha provocato la morte di alcuni bimbi a Belfast.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.