Le mamme in perfetta forma hanno il latte piu’ buono

Gen 23, 13 Le mamme in perfetta forma hanno il latte piu’ buono

Da sempre si sottolinea l’importanza del peso e della forma fisica in una donna incinta, raccomandando di tenere sotto controllo il peso e di favorire, seppur con le dovute precauzioni l’attività fisica, per vivere i nove mesi della gravidanza ed il parto nel modo migliore ma oggi, a dare un valore aggiunto al peso forma, ecco un ulteriore motivo: nelle donne in gravidanza normopeso il latte è più buono.

Ebbene si, secondo uno studio dell’Istituto di Agrochimica e Tecnologia Alimentare del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Valencia, se la futura mamma è normopeso, oltre quindi al discorso meno chili di troppo e meno cesarei, il latte materno, è più ricco di batteri buoni.

foto allattamento senoGli esperti, hanno infatti riscontrato, sia nelle donne in sovrappeso che in quelle che hanno subito un parto cesareo, un latte meno ricco di batteri buoni, rispetto alle donne normopeso che vivono un parto naturale, tanto che collegano questo valore aggiunto del latte, allo stato ormonale della madre durante il parto.

In pratica secondo i ricercatori, è proprio il momento del parto, a svolgere un ruolo determinante per la composizione del latte: il travaglio, insomma, provocherebbe uno stress naturale fautore di arricchire il latte con i batteri buoni.

Di contro, sembra quindi, che la mancanza di segnali di stress fisiologico positivi e degli ormonali specifici del parto, potrebbero influenzare negativamente la composizione della microflora nel latte, con il risultato di avere un latte meno ricco e quindi meno prezioso per il proprio bambino.

E’ da precisare quindi, che le donne in sovrappeso, dato il fisico meno agile e l’inclinazione a stancarsi prima, vivranno – in genere – il travaglio in modo particolarmente sofferente e difficoltoso, con un’alta probabilità di ricorrere a interventi come la ventosa, o il un cesareo – spesso già proposto in partenza -.

Una scoperta fatta dai ricercatori, durante lo studio sull’influenza del latte materno sullo sviluppo del sistema immunitario del bambino e sulla digestione del latte stesso e che ha invece evidenziato, l’importanza del peso forma della futura mamma in gravidanza, motivo per cui è consigliabile ancor prima del concepimento, nel mentre della caccia alla cicogna, ricercare un’ottima forma fisica ed evitare quindi durante la gravidanza, di accumulare un numero eccessivo di chili, che impedirebbero di vivere il parto naturale nel migliore dei modi.

foto allattamento senoE’ invece ovvio, che non sempre si può fare una scelta sul parto cesareo ma a riguardo è bene precisare che l’eventuale parto cesareo eseguito con urgenza, non vede peggiorata la composizione microbica del latte, in quanto, vivendo comunque nella prima parte del parto, le emozioni del travaglio naturale, sembra persistano comunque, le condizioni di base – o di partenza, che dir si voglia – del parto per via vaginale, necessarie alla determinazione del latte.

Detto questo va precisato infine che nell’intestino dei bambini allattati al seno, si sviluppa il Bacillus bifidus, un batterio buono, che tiene sotto controllo la proliferazione degli altri batteri intestinali, motivo per cui è tra gli altri numerosi motivi, importante quando possibile, favorire l’allattamento al seno materno.

Prendendo infine i dati di questa ricerca scientifica, come si suol dire “con le pinze”, c’è indubbiamente da ben sperare che in un prossimo futuro, i latti formulati per l’infanzia, possano contenere questi preziosi batteri, onde renderli ancora più simili al latte materno, per il bene di tutti i bambini che non hanno la fortuna di essere allattati dalla propria mamma.

.

Di Mamma Melacotta


2 Comments

  1. miki mammalatte /

    posso avere i dati precisi in base ai quali “Gli esperti, hanno infatti riscontrato, sia nelle donne in sovrappeso che in quelle che hanno subito un parto cesareo, un latte meno ricco, rispetto alle donne normopeso che vivono un parto naturale, tanto che collegano questo valore aggiunto del latte, allo stato ormonale della madre durante il parto”. prima di sperare in un latte artificiale migliore potremmo iniziare col non divulgare assurdità. grazie

    • Ciao grazie anzitutto del tuo commento. Ti dico subito che i dati precisi di questa ricerca, dovresti chiederli direttamente all’Istituto di Agrochimica e Tecnologia Alimentare del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Valencia, noi purtroppo in questo non ti possiamo aiutare. Quanto invece alla divulgazione di questa ricerca mi preme sottolineare che si tratta solo e soltanto dei dati di una ricerca … nulla di più! Va da sè che il latte materno è in assoluto il miglior alimento esistente per un neonato, qualsiasi sia la costituzione fisica della sua mamma! Per tutti quei bambini che purtroppo però non hanno la fortuna di poter godere del latte della loro mamma, perchè però non sperare di poter avere un latte artificiale migliore? Un abbraccio …

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.