Litigi tra sorelle e fratelli: come comportarsi?

Apr 27, 16 Litigi tra sorelle e fratelli: come comportarsi?

Chi ha figli piccoli in casa sa per forza di cosa, quanto la questione dei litigi può diventare estenuante, specie dopo ore ed ore di battibecchi, pianti ed urla, che alla possono anche alla fine, diventare difficili da gestire, motivo per cui eccoci oggi a porci l’annoda questione: come comportarci nei litigi tra sorelle e fratelli? Andiamo a scoprirlo

Ebbene si, perché infatti, il punto della vera e propria problematica riguardante i litigi tra sorelle e fratelli sta nel come comportarsi e quindi, se e come è giusto intervenire!
foto-litigi-fratelliE proprio come prima cosa, è bene anzitutto sottolineare che è fondamentale intervenire, senza favorire l’uno o l’altro, tentando di gestire i bambini al meglio, onde poter loro trasmettere, i giusti insegnamenti.
Ma è inoltre assolutamente importante chiarire – in particolare a tutti i genitori preoccupati – che nonostante il bene che sorelle e fratelli si possano volere, è inevitabile che litighino tra loro, in quanto trattasi della natura dell’essere umano, indipendentemente dalla motivazione, che può essere: la gelosia, il possesso di questo o quel gioco, o – perchè no – semplicemente da un dispetto.
Litigi quindi, che come precisano gli esperti, non solo sono inevitabili, ma sono inoltre fondamentali per la crescita dei bambini, specie, se la differenza di età tra i fratelli e le sorelle, è inferiore ai 4 anni, ed essi fondano il loro presupposto, sull’affinità di interessi ed esigenze comuni.
Va da sé quindi che il litigio è quasi fondamentale, in quanto trattasi di un motivo di incontro/scontro, e di confronto tra fratelli e sorelle; la cosa davvero importante però, è quella di evitare che il battibecco degeneri in atteggiamenti violenti, verbali o non verbali.
foto-litigi-fra-fratelliIntervento che però, non deve vedere i genitori, intervenire immediatamente, in quanto è bene che i bambini si confrontino tra loro autonomamente e che manifestino, l’un l’altro, le proprie emozioni ed i propri pensieri.
Il genitore dovrebbe intervenire solo e soltanto, nel momento in cui la lite inizi a degenerare, in quanto è bene che i bambini, imparino a gestire questi momenti in maniera autonoma.
L’intervento del genitore che deve infatti favorire una discussione serena tra i bambini, che punti alla risoluzione del problema, attraverso il dialogo.

di Tata M. Eliana


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.