L’orgasmo durante il parto è davvero possibile?

Ott 03, 12 L’orgasmo durante il parto è davvero possibile?

Tra i due litiganti il terzo gode. Anzi, la terza. Mai proverbio fu più azzeccato, anche se il luogo di applicazione apparirà un po’ strano: la sala parto.

Eh già, perché sembra anomalo associare un verbo che rimanda al piacere ad uno dei posti in cui ci si aspettano soprattutto dolori inimmaginabili; invece, secondo un documentario americano risalente al 2009, il travaglio ed il parto possono trasformarsi in uno dei momenti più belli, non soltanto per il concetto di “nuova vita”. Ma come? E’ presto detto e basta il titolo del documentario stesso: Parto Orgasmico (Orgasmic Birth in lingua originale).Foto feto

Sì, avete letto bene; il cortometraggio sostiene che i “due litiganti”, cioè il dolore e le possibili anestesie per arrestarlo, lasciano spazio all’orgasmo femminile.

Si direbbe inverosimile, anche perché spesso ciò che giunge dagli Stati Uniti ci lascia un po’ perplessi – in alcuni casi in maniera preconcetta. Ma la telecamera sembra non mentire quando immortala diverse scene di gestanti, prima in preda al piacere e poche ore dopo serenamente sorprese, durante il racconto delle sensazioni vissute. Ad esempio la 29enne Amber Hartnel confessa di essere stata pervasa da un inatteso orgasmo a metà del travaglio, mentre un’altra neo mamma afferma di avere riso e pianto a causa della commistione tra la sofferenza ed il gaudio.Foto parto

E la reazione dei medici? La categoria si è sempre divisa su questo tipo di esperienze, anche perché non sono stati condotti studi approfonditi sul tema.

Tuttavia, è opinione di alcune ostetriche che “il turbamento” possa verificarsi per merito di ormoni e sostanze chimiche quali ossitocina ed endorfine, rilasciate sia durante il sesso che in fase di travaglio. A rendere ancora più misteriosa l’intera faccenda ci pensa il produttore del “reportage”, Debra Pascali-Bonaro, la quale si dice convinta che l’orgasmo sia il segreto meglio mantenuto del parto: le donne che lo hanno provato, secondo lei, sarebbero riluttanti ad esternare la propria esperienza – meno rara di quanto si possa pensare.Foto parto orgasmico

Quel che resta un punto fermo, che si creda o meno alla possibilità di provare una girandola di emozioni simile a quella sessuale, nell’atto di “mettere al mondo”, è il fatto che il godimento più puro sia proprio vedere una nuova vita venire alla luce.

Di Emanuele Saccardo


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.