Lost Kidz: l’app che ritrova i bambini scomparsi

Set 03, 12 Lost Kidz: l’app che ritrova i bambini scomparsi

Al giorno d’oggi con i bambini non basta avere 1.000 occhi e proprio per aiutare mamma e papà o comunque chi bada loro, ecco oggi Lost Kids, una particolarissima ed inedita app, sviluppata proprio per permettere a chi ha smarrito il proprio bambino di inviare tempestivamente un segnale di allarme via smartphone e cercare così l’aiuto di altri genitori che si trovano nelle vicinanze del posto in cui è avvenuta la scomparsa.

Un’app Lost Kids, che permette quindi di ritrovare i bambini smarriti, nata dall’esperienza di un papà, Stephen Fern, che ha infatti vissuto in prima persona, direttamente lo spavento della perdita temporanea del proprio bambino, durante un viaggio in Francia, durante il quale uno dei suoi sei bambini è scomparso per mezz’ora in un supermercato, mentre la famiglia era intenta a fare la spesa.

Una scomparsa che seppur (fortunatamente) temporanea, è bastata a far sussultare il cuore dei suoi genitori e che ha portato papà a creare Lost Kidz, con l’obiettivo di facilitare il ritrovamento dei bambini e ridurre il rischio di danni accidentali o intenzionali, con uno strumento a disposizione di una comunità di utenti per difendere da eventuali pericoli i bambini dispersi, fungendo altresì come mezzo di deterrenza per criminali predatori.Foto bimba scomparsa

Lost Kidz è un’app che può essere scaricata comunemente da iTunes ma presto sarà altresì disponibile in una versione Android, che non vuole sostituirsi alle forze dell’ordine ma aiutare qualsiasi genitore che si trova nella situazione di aver perso il proprio bambino, che potrà inoltrare dal cellulare un avviso, con tanto di informazioni necessarie (quali ora, località e foto) o/e tutti i maggiori dettagli e particolari, come una descrizione dell’abbigliamento indossato o altro, che sarà recapitato a chiunque altro possiede l’applicazione.

L’app prevede che in una prima fase di “allerta”,vengano informati gli utenti nella zona più vicina e successivamente, man mano che il tempo passa, quelli a maggiore distanza … e non appena qualcuno riesce a ritrovare il bambino perso, può immediatamente mettersi in contatto con il mittente della segnalazione di smarrimento!

Che aggiungere? Un grazie di cuore a Stephen Fern!

 

Di Mamma Melacotta


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.