Mamma e neonato morti assiderati in un congelatore

Mag 23, 13 Mamma e neonato morti assiderati in un congelatore

Tutti siamo sconvolti per quello che  successo negli USA, precisamente in Oklahoma: un tornado ha colpito la zona, lasciando dietro di sé morte e distruzione.

Ben 91 sono infatti le vittime di questa tremenda forza della natura: vittime tra le quali bambini, secondo quanto riferito dalla Cnn, che non ce l’hanno fatta e sono perite sotto al tornado.

Vittime tra le quali un neonato e la sua mamma, che sono stati trovati dai soccorritori in un congelatore.

Si avete capito bene, un congelatore nel quale probabilmente, avendo visto il tornado, la madre ha pensato d’istinto di rifugiarsi.

foto-tornado..Un luogo sicuro … chiuso, al riparo dalla furia del tornado … “ così, o qualcosa di simile avrà pensato quella mamma, che ha preso in preda al panico il suo bambino e si è rifugiata niente poco di meno che in una cella frigorifera, per sfuggire alla furia della calamità che ha ucciso quasi 100 persone, di cui una buona parte bambini.

Un caso ed un esempio quello di questa mamma non isolato, in quanto anche all’ospedale di Moore, la città più devastata degli Stati Uniti, medici e pazienti hanno tentato di rifugiarsi nelle celle frigorifere, essendo stato, un intero piano della struttura, completamente distrutto.

Purtroppo però, questa mamma e suo figlio, sono rimasti chiusi nella cella più del dovuto, finendo per morire assiderati.

foto-tornadoChi l’ha visto da vicino racconta che il tornado era scuro, enorme e spaventoso e … purtroppo, anche distruttivo: la scuola, la Plaza Tower Elementary School, è andata completamente distrutta e  la maggior parte delle case ormai è ridotta in cumuli di detriti e macerie.

Il bilancio non tende a fermarsi: di quei 91 morti, 20 purtroppo sono bambini, morti sotto il peso delle macerie della scuola distrutta.

.

di Elisabetta Coni

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.