Meyer: premio bis al test neonatale precoce sulle immunodeficienze congenite

Mag 31, 13 Meyer: premio bis al test neonatale precoce sulle immunodeficienze congenite

L’ospedale Meyer di Firenze e l’Università di Firenze hanno ottenuto due importanti riconoscimenti.

Uno dall’Accademia Americana di Immunologia e l’altro è il Premio Eccellenza dell’Anno del Lions, questo grazie all’importante ricerca sul test neonatale precoce, sulle immunodeficienze congenite. Uno screening diagnostico messo a punto dalla prof.ssa Chiara Azzarri, il dr. Massimo Resti ed il dr. Giancarlo La Marca, tutti ricercatori del Meyer e dell’Università.

A livello mondiale l’Accademia Americana di Immunologia (AAAAI) è uno degli organismi scientifici più influenti nel campo dell’immunologia. Questi hanno considerato questa ricerca italiana come la più importante a livello mondiale sulla ricerca delle immunodeficienze congenite, tanto importante che la prof.ssa Azzarri è stata invitata a San Antonio, in Texas, per una intervista sulla ricerca condotta e su quali potrebbero essere i risultati futuri.

foto-meyer..A livello toscano il premio Eccellenza dell’Anno del Lions va a premiare, appunto, le eccellenza italiane nel campo dell’imprenditoria e nella cultura. Il premio è patricinato dal Lions Club di Firenze Scandicci, dal comune di Scandicci e da Confindustria Firenze.

Per il 2013 è stata scelta proprio la prof.ssa Azzarri, che ha ricevuto il massimo premio lionistico. Per la rilevanza di questo test, il presidente del Lions Club, Vincenzo Frascà, ha deciso di devolvere l’intero ricavato della serata di beneficenza, ad una borsa di studio per un ricercatore che possa dare il suo contributo nell’evoluzione di questa ricerca.

C’è da dire che questo test costa davvero pochi centesimi a bambino e che con poche centinaia euro sarebbe possibile testare tutti i bambini della Toscana.

foto-meyer.Insomma la scoperta di questi tre ricercatori ha davvero del sorprendente, soprattutto se paragonata a quella testata dagli americana la quale si è rivelata largamente inferiore a quella italiana. Al momento la ricerca è già stata pubblicata da una delle più prestigiose riviste scientifiche del settore il Journal of Allergy and Clinical Immunology e un’altra parte è ora in corso di pubblicazione.

Ma i ricercatori non si fermano qui. Al momento sono già in atto nuovi test per scoprire sempre  maggiori difetti del sistema immunitario.

.

di Anna Chianese


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.