Nanna: Stellina al Polo Nord

Dic 08, 12 Nanna: Stellina al Polo Nord

Ed anche stasera, in questa giornata speciale dell’Immacolata dedicata ai preparativi del prossimo Natale, tra preparazione dell’albero, allestimento del presepe e decorazioni varie in casa, siamo arrivati come di consueto all’ora della nanna ma quasi sicuramente i vostri pargoli saranno particolarmente agitati, avendo vissuto una giornata davvero particolare ed insolita!

Luci, palline, ghirlande, pupazzi di neve e quant’altro avrete estratto dallo scatolone natalizio, che custodiva gelosamente le decorazioni natalizie, avrà indubbiamente avuto l’effetto di uno scrigno dei tesori sui vostri bambini, che stasera in modo particolare prima della nanna, avranno bisogno di un momento speciale, grazie a cui rilassarsi prima della nanna: un momento nel quale leggere ad esempio l’ultima avventura della nostra speciale Stellina!

Stellina al Polo Nord

foto luna stallinaEra una notte molto fredda e dal cielo scendevano strani fiocchi bianchi che Stellina notò immediatamente perché le erano caduti sul naso, pizzicandolo.

“Ahi! Cosa sono queste palline?” Si disse incuriosita. Andò a cercare mamma Luna e lo chiese a lei. La mamma sorrise e le rivelò che era la neve, soffice e magica acqua ghiacciata.

Stellina chiese allora alla Luna da quale luogo provenisse quell’aria fredda e pungente.

“Ci stiamo avvicinando al Polo Nord, stanotte, un luogo glaciale in cui si trova la casa di Babbo Natale”.

“La casa di Babbo Natale? Chi è Babbo Natale, mamma?”, chiese Stellina.

foto babbo natale“Babbo Natale è quell’uomo che ogni anno vola nei cieli con la sua slitta trainata da renne, portando tanti doni ai bambini di tutto il mondo.”

Stellina incominciò a sognare ad occhi aperti, era curiosa, voleva vedere la casa di Babbo Natale, conoscere Babbo Natale e i suoi aiutanti e fare un giro sulla sua slitta magica. Così salutò mamma Luna e andò dal suo amico Vento per chiedergli di aiutarla ad arrivare al Polo Nord.

Il Vento decise di aiutarla, ma la avvertì : “Devi stare attenta perché lì sentirai molto freddo, devi portare qualcosa di caldo per coprirti e non perderti, mi raccomando!”

Così Stellina si lasciò trascinare dalla potenza di Vento che la condusse nel cuore del Polo Nord.

foto sciarpaCon una cuffietta e una sciarpa che aveva chiesto in prestito a una sorellina, Stellina s’incamminò verso una casa illuminata in fondo a un bosco.

Quando arrivò davanti a quell’abitazione, Stellina non poté trattenere un urlo di stupore.

Non aveva mai visto qualcosa di così bello e colorato, le porticine erano verdi con maniglie a forma di fungo, le finestre rosse avevano stelline dorate sui vetri e sul tetto vi erano statue a forma di gnomo, scoiattolo, fatine e altri esseri magici.

Stellina provò a bussare: toc toc. Ma nessuno giunse ad aprirle, allora riprovò speranzosa, un po’ più forte.

Questa volta la porta si aprì e così Stellina si trovò davanti a un strano omino con un cappello buffo in testa. “ Chi sei?”, le chiese l’omino.

“Io sono Stellina, sono venuta a conoscere Babbo Natale. E tu chi sei?”

foto elfo“Io sono un elfo, un aiutante di Babbo Natale. Benvenuta piccola amica! Se ne hai piacere, ti conduco al laboratorio magico, in cui vengono costruiti e impacchettati i regali di Natale”

“Sarebbe meraviglioso! Grazie”, rispose Stellina emozionata.

Entrata in casa, Stellina non riuscì a non rimanere stupita per ogni piccolo particolare, le seggioline di legno intagliate a forma di ghianda, candele profumate raffiguranti fatine del bosco, tappeti rossi cosparsi di brillantini dorati, lampadari di cristalli colorati e tanto altro ancora.

A un certo punto l’elfo aprì una porta e davanti agli occhi di Stellina comparvero centinaia di piccoli elfi che correvano come impazziti da una parte all’altra per costruire giocattoli. C’erano bambole, cavallini a dondolo, peluches, macchinine e trenini in legno. Stellina era affascinata, non aveva mai visto nulla di simile.

Sorrise e si avvicinò per immergersi in quell’atmosfera natalizia e salutò ad uno ad uno i piccoli abitanti di Babbo Natale.

“E Babbo Natale dove si trova adesso?”, chiese all’elfo.

foto babbo natale“Babbo Natale tra poco arriverà e tu potrai salutarlo e tirargli la barba!”.

Stellina si mise a ridere, non si era mai sentita così felice.

All’improvviso qualcuno spalancò la porta, tutti fecero silenzio. Era Babbo Natale, con il suo cappello rosso e la sua barba lunga.

Vide Stellina, le si avvicinò e le chiese: ”Tu cosa ci fai qui?”

“Ciao Babbo Natale, io sono Stellina e ho lasciato il mio cielo e la mia mamma Luna per venire a conoscerti”.

foto babbo natale slittaBabbo Natale prese tra le mani la piccola Stella e dandole un bacino le disse: “Adesso ti porterò a casa con la mia slitta. Sei contenta?”

“Certo Babbo Natale, non vedo l’ora!”

Così salirono sulla sua slitta magica trainata da magnifiche renne e presero il volo. Nella notte gelida Stellina non sentì più freddo ma un grande calore e un’emozione sempre più grande, perché stava volando sulla slitta di Babbo Natale. Non avrebbe mai più dimenticato quella notte!

Anche voi bambini, preparatevi, perché Babbo Natale sta arrivando.

A presto e alla prossima avventura di Stellina!

Di Laura Rossi


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.