Nanna: Stellina e i bambini angeli

Feb 03, 13 Nanna: Stellina e i bambini angeli

Appuntamento anche questa sera con la nostra dolce Stellina, la nostra piccola dolce stella che va alla scoperta dei confini di tutta la galassia … ma che ha in cuo suo una particola predilezione per la bella Terra.

Tante le avventure che ha vissuto Stellina, che l’hanno portata – e che la porteranno – a conoscere tante nuovi pianeti ed amici, da Babbo Natale … alla Befana, dai bimbi degli orfanotrofi … alle fate, da … a … e questa sera, la nostra giovane stella, conoscerà niente poco di meno che … i bambini angeli.

Augurando quindi sogni d’oro ai vostri dolcissimi bimbi – ed anche a voi genitori – ecco a voi questa sera …

Stellina e i bambini angeli

foto stellina bibliotecaDurante le fredde giornate invernali gli abitanti della Via Lattea erano soliti rifugiarsi in una vecchia biblioteca in cui leggere romanzi e avventure, coccolati da una calda cioccolata alla menta. Anche Stellina amava molto sfogliare libri e immergersi in storie fantastiche e magiche, si sedeva in un angolo della biblioteca e leggeva per ore, incantata dalla magia delle fiabe.

Anche quel giorno, durante una tempesta di neve, Stellina si era andata a rintanare al suo solito posto con un libro che non aveva mai visto prima. Aveva una copertina particolare, che l’aveva subito colpita: un neonato con le ali che dormiva beato su una nuvola.

foto libroIl libro si intitolava “Quando i bambini sono ancora in cielo”. Stellina iniziò a sfogliare quelle pagine e si rese conto che si stava parlando di bimbi che dovevano ancora nascere. La leggenda diceva che i bambini prima di nascere si trovavano in una zona del cielo non molto lontana dalla Via Lattea. Dormivano su morbide nuvolette in attesa di scendere nel ventre materno. Ogni tanto si svegliavano e vedevano quello che accadeva sulla Terra. Qualche volta qualcuno si legava col pensiero a qualche coppia di sposi e riusciva a sceglierli come genitori.

Stellina, affascinata da questa incredibile storia decise di mettersi alla ricerca di questi bambini.

Aspettò che la bufera di neve cessasse e si mise in viaggio.

foto angeloSuperando la Via Lattea giunse in un luogo avvolto da una nebbia fitta e vi si addentrò. Lentamente apparvero delle nuvolette e ognuna portava un bebè .

Era uno spettacolo mai visto, Stellina si sentì commossa da una simile visione. Bambini non ancora venuti al mondo, ma presenti nel regno del cielo, con piccole soffici ali di piume.

Uno di questi aprì gli occhi e vedendola sorrise. Stellina gli si avvicinò e provò a capire che cosa avrebbe fatto ora. Lui si mise seduto, come fosse già grande e guardò in una direzione. Stellina osservò anche lei.

Vide una famiglia sul Pianeta Terra, e si rese conto che il bambino rideva nel guardarli.

foto bacioSicuramente li avrebbe scelti e Stellina si sentì riempire da un’emozione incredibile quando vide che la donna che il bambino stava guardando aveva appena comunicato al marito che stavano per diventare genitori. All’improvviso una luce fortissima avvolse il neonato e quando Stellina guardò di nuovo, il bimbo non c’era più: era giunto a destinazione.

Stellina baciò con lo sguardo ogni piccolo angelo e tornò a casa.

Buonanotte bambini, vi auguro sogni incantati!

 

Di Laura Rossi


2 Comments

  1. Scusami, esiste davvero questo libro di cui parli? Protesti dirmi il titolo esatto e l’autore?
    Grazie

    Mara

    • admin /

      Buongiorno Mara,
      grazie dell’attenzione riservata al nostro piccolo blog ed alla nostra fiaba della buonanotte. Le fiabe di Stellina, come puoi leggere nella sezione de “La nostra fiaba” qui https://bambinizerotre.it/category/il-tuo-bambino/la-nostra-fiaba/ esistono davvero, ma non si tratta di un libro, bensì di racconti scritti dalla nostra collaboratrice Laura.
      Speriamo comunque che avrai il piacere di leggerli sul nostro blog.

      Lo Staff
      Bambinizerotre

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.