Natale: La leggenda del piccolo albero di Natale

Dic 08, 12 Natale: La leggenda del piccolo albero di Natale

Nel giorno dell’Immacolata che la tradizione vuole in ogni casa, la famiglia impegnata nei consueti addobbi natalizi, tra albero, presepe e decorazioni varie, con come sottofondo le dolci musiche natalizie o magari un bel film a tema, alla televisione, non potevamo non proporre che un bellissimo e dolcissimo, racconto sul Natale.

Un racconto o più precisamente una leggenda, tramandata nel tempo da generazione in generazione, di cui non si conosce la paternità, che vede protagonista un piccolo alberello, minuto e sconsolato , che destinato ad un destino solitario, diventa invece protagonista della vera magia del Natale.

La leggenda dell’albero di Natale

foto piccolo abeteIn una bosco lontano lontano dal paese, era nato un piccolo abete e anno dopo anno stava crescendo.

Il piccolo abete aveva visto stagione dopo stagione tante cose ma la cosa che più lo affascinava era quando verso il mese di dicembre, i tagliaboschi del paese venivano nel bosco e sceglievano gli abeti più belli che poi vendevano agli altri abitanti per Natale: quanto gli sarebbe piaciuto essere scelto anche lui un giorno!

Quanto invidiava i suoi fratelli più grandi che venivano scelti per essere poi destinati ad essere ornati e portatori del simbolo del Santo Natale, nelle case.

Un incarico importante, che li riempiva di gloria ed al quale forse quest’anno avrebbe potuto ambire anche lui perchè un pochino era già cresciuto!

Considerando poi che ormai il bosco era quasi spoglio … egli ormai era sempre più convinto che quest’anno era proprio la sua occasione: gli uomini sicuramente lo avrebbero scelto!

foto abeteMa il piccolo abete non aveva fatto i conti con un altro abete ben più grande di lui, che avendo inteso le sue speranza, non aveva perso occasione di prenderlo in giro e gli aveva infatti detto sprezzante “Ma che credi … che sceglieranno te,  piccolo storto e spoglio come sei?” ed aveva incalzato ” Guarda me, alto, fiero e rigoglioso … sicuramente quando torneranno sceglieranno me: io si che farò davvero un  figurone in una bella casa, addobbato e circondato da mille luci!”

Il piccolo abete, dal canto suo, non poteva dar torto al suo fratello più grande ed ammutoliva, conscio del fatto che non poteva ribattere e si intristiva …

Arrivò poi la notte di Natale, il bosco era deserto, faceva tanto freddo e nevicava … ed il piccolo abete piangeva lacrime amare setendosi solo ed abbandonato … un triste destino vedeva davanti a lui … ma ad un certo punto tutto cambiò …

foto passerottiIn questa magica notte di Natale tutto cambiò, le sue lacrime amare si trasformarono in ghiaccio lucente, che la neve e la brina fissarono sui suoi rami, disegnando splendidi merletti e a seguire un gruppo di coraggiose lucciole, incuranti del freddo e del gelo, diedero vita tra i suoi rami ad un meraviglioso gioco di luci … uno spettacolo sorprendente … ma non solo …

Una dolce piccola stella splendente decise di unirsi al meraviglioso spettacolo, così lasciò le sue sorelle in cielo e andò a posarsi sulla cima del piccolo abete, che divenne così il più bel albero di Natale mai visto prima!

foto albero nataleUno spettacolo davvero unico la cui luce si vide fin nel villaggio, sicchè tutti gli abitanti accorsero ad uno ad uno per vedere da dove proveniva quella magica luce, mentre i passerotti si fermarono tra i suoi rami, intonando un dolcissimo canto di Natale.

Tutti gli abitanti nel vedere il piccolo abete rimasero davvero incantati ed esterefatti per la sua bellezza e lo spettacolo che regalava ed egli da sconsolato e dimenticato albero del bosco, divenne il protagonista assoluto del Natale!

Di Mamma Melacotta



0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. upnews.it - Natale: La leggenda del piccolo albero di Natale... Oggi giorno dell'Immacolata, che la tradizione vuole le famiglie impegnate nei…

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.