Neonato: SIDS o morte in culla

Mar 13, 13 Neonato: SIDS o morte in culla

SIDS o “Sudden Infant Death Syndrome”, sindrome dell’improvvisa morte neonatale, accade quando il neonato, improvvisamente, durante il sonno e senza apparente motivo, non respira più durante il sonno.

Può accadere entro il primo anno di vita, sopratutto nelle prime settimane di vita. E’ un evento raro, ma a cui la scienza non riesce ancora a dare spiegazione alcuna.

La SIDS rappresenta la prima causa di mortalità nella fascia di età da 1 a 12 mesi di vita. La SIDS è più frequente tra i due e i quattro mesi e dei bambini che muoiono circa il 60% sono maschietti.

foto sidsI bambini deceduti per SIDS sono morti sia di giorno che di notte, sia in culla che nel passeggino, sia nel seggiolino della macchina che in braccio ai genitori.

La diagnosi di SIDS va per esclusione, è necessario evidenziare la presenza di altre cause note (cardiopatie, malattie infettive, maltrattamento) di mortalità al momento dell’autopsia.

Sono stati identificati dei precisi fattori di rischio e, tra questi, il principale è quello di mettere il bambino a dormire in posizione prona (a pancia in giù). Altri fattori di rischio sono:

  • caldo eccessivo;
  • fumo della madre in gravidanza;
  • fumo passivo;
  • infezioni delle vie respiratorie;
  • prematurità e familiarità.

L’allattamento al seno è stato dimostrato un fattore protettivo in varie pubblicazioni scientifiche.

foto allattamentoIl semplice consiglio di mettere il bambino a dormire supino (a pancia in su) ha determinato una riduzione della mortalità di più del 50%. Anche la posizione sul fianco è sbagliata in quanto raddoppia il rischio di SIDS.

Dovremmo prendere esempio, almeno in questa situazione, dagli Stati Uniti dove sui pannoloni per bambini, su pressione della Associazioni scientifiche dei Pediatri, non sono solo stampate figure di orsacchiotti, barchette o bamboline, ma campeggia una scritta ben evidente: “BACK IS THE BEST!” ossia “SULLA SCHIENA È MEGLIO!”, che ricorda anche alla mamma più distratta una norma di sicurezza essenziale!

.

Di Mamma Stefani


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.