Preconcepimento: il ciclo mestruale

Dic 06, 12 Preconcepimento: il ciclo mestruale

Per una donna, capire il proprio corpo durante il ciclo mestruale , rappresenta la base per l’individuazione della fase ovulatoria necessaria a mirare i rapporti sessuali nel momento in cui si cerca di avere un bimbo.

Un ciclo mestruale può durare, generalmente, da un minimo di 23 ad un massimo di 35 giorni.

Un ciclo mestruale regolare dura 28 giorni. I giorni del ciclo mestruale vengono contati dal primo giorno della mestruazione, al primo giorno della mestruazione successiva.

Fondamentalmente un ciclo mestruale è suddiviso in due fasi: una fase follicolare (PM = post mestruale) ed una fase luteinica o luteale (PO = post ovulatorio).

In un ciclo mestruale regolare la fase follicolare dura 14 giorni, dove al 14° giorno si dovrebbe ovulare, e altri 14 giorni dura la fase luteale.

FOTO DOLORE CICLOLa fase luteale, in un ciclo non regolare, varia da un minimo di 12 ad un massimo di 16 giorni.

Come già detto, il primo giorno di ciclo è rappresentato dall’inizio della mestruazione che dura solitamente dai 3 ai 7 giorni.

Durante la mestruazione, nella maggior parte dei casi, le donne avvertono dolore. Questo malessere è dovuto allo sfaldamento dell’endometrio, ossia la parete interna dell’utero, che si era inspessito e quindi preparato ad accogliere un eventuale embrione per poterlo nutrire durante i 9 mesi di gestazione. Non essendosi verificato il fenomeno dell’impianto, tutto il materiale accumulatosi per nutrire l’embrione verrà perso col ciclo mestruale.

foto cicloDurante il ciclo mestruale le ovaie producono gli ormoni sessuali femminili estrogeni e progesterone, l’ipofisi (una piccola ghiandola del cervello) rilascia gli ormoni LH (luteinizzante) ed FSH (follicolostimolante).

Il primo giorno del ciclo, progesterone ed estrogeno, sono ai livelli minimi, stimolando così il rilascio di FSH ed LH che mediante il sangue raggiungono le ovaie.

L’FSH andrà a stimolare la crescita dei follicoli contenente l’ovulo. L’FSH, man mano che il follicolo cresce, stimola anche l’aumento dei livelli di estrogeno, il quale induce l’inspessimento dell’endometrio (interno all’utero) e ne aumenta la vascolarizzazione (aumentano i vasi sangugni).

Verso il 14° giorno di ciclo, aumentano i livelli di LH e di FSH. Quando i livelli di LH sono molto elevati si parla di “picco” ed è il momento in cui si sta per ovulare. Quando questi livelli sono elvati, l’LH viene rilasciato nelle urine ed una donna può anche conoscere il momento esatto del picco grazie all’utilizzo di stick ovulatori (di cui parleremo in seguito).

FOTO CICLODopo il rilascio dell’ovulo da parte delle ovaie, questo viaggia per raggiungere l’utero.

I restanti follicoli presenti nelle ovaie si ingrandiscono e formano una struttura chiamata corpo luteo, la cui presenza indica l’avvenuta ovulazione ed il ginecologo se ne accorge effettuando un ecografia pelvica.

Nel frattempo i livelli di estrogeno continuano a cresce, ma aumentano anche i livelli di progesterone. Insieme questi due ormoni promuovono l’inspessimento dell’endometrio e interrompono la produzine di LH ed FSH.

In caso di mancata fecondazione dell’ovulo da parte dello spermatozoo, i bassi livelli di FSH ed LH fanno in modo che intorno al 24° giorno del ciclo, il corpo luteo degeneri, liberando meno estrogeno e progesterone. Man mano che questi ormoni diminuiscono in concentrazione, l’endometrio inzia a sfaldarsi ed inizia un nuovo ciclo mestruale, vengono nuovamente rilasciati FSH ed LH e l’endometrio ricomincia a crescere.

Se l’ovulo è stato fecondato, dopo circa una settimana si impianta nella parete uterina.

foto incintaNon appena l’ovulo si impianta, l’organismo inizia a produrre l’ormone della gravidanza HCG (gonadotropina corionica umana), che manterrà attivo il follicolo vuoto. Il follicolo continua a produrre gli ormoni estrogeno e progesterone per impedire lo sfaldamento della parete uterina, fino a quando la placenta (che contiene tutti i nutrienti necessari all’embrione) matura a tal punto da potere sostenere la gravidanza, e ciò si verifica generalmente intorno il 3 mese gestazionale.

Di Mamma Stefania

 


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.