Ricette: i canederli di semolino

Feb 15, 13 Ricette: i canederli di semolino

Direttamente dallo splendido Trentino Alto Adige, del Friuli Alto Adige e del Veneto, proponiamo oggi in tavola i Knödel, ossia i canederli – altrimenti detti gnocchi – di semolino: un piatto estremamente semplice ma gustoso, che per tradizione gli antichi gustavano – e molti ancora gustano – in brodo di carne o di dado.

Per tradizione dalla forma di palline di medie-grosse dimensioni, a piacere e secondo la propria fantasia, possono essere presentati anche in una semplice forma di palline più piccole, gnocchetti allungati, o una più raffinata forma elittica, creata lavorando l’impasto tra due cucchiai … a voi la scelta mamme!

Ma ecco quindi gli ingredienti necessari per proporre in tavola i canederli:

  • foto canederli120 grammi di semolino;
  • 500 ml di latte;
  • a piacere noce moscata;
  • 1 uovo;
  • 3 + 2 cucchiai di formaggio parmigiano reggiano grattugiato;
  • una noce di margarina o burro;
  • brodo di carne, di verdure o dado;
  • a piacere sale.

Quanto quindi alla preparazione, ecco come procedere passo-passo a preparare la ricetta dei canederli di semolino:

  • mettere anzitutto a fare circa 1 litro di brodo di carne oppure anche dado a piacere;
  • prendere quindi un pentolino e mettervi il latte, facendolo cuocere fino all’ebollizione e quindi a questo punto calarvi a fontana il semolino, stando attenti a mischiare per bene con una frusta, evitando che si creino grumi;
  • aggiungere il sale a piacere e mischiare fintanto ad ottenere un composto abbastanza denso;
  • foto canederlia questo punto aggiungere una noce di burro ed amalgamarla per bene al semolino;
  • quindi spegnere il fuoco e procedere a mischiare fino a che il semolino si staccherà dalle pareti della pentola e assumerà la consistenza di una bella grossa palla;
  • procedere ora ad aprire e sbattere l’uovo ed aggiungerlo in padella assieme a 3 cucchiai di formaggio parmigiano reggiano grattugiato e a piacere ad un pizzico di noce moscata grattugiata, quindi amalgamarli per bene al resto;
  • una volta intiepidito il composto, non resta che andare a creare delle palline di una grandezza a piacere, dopo essersi inumidite le mani oppure usando due cucchiai;
  • mettere a bollire dell’acqua e mettere a cuocere quindi come di consueto i canederli, quindi scolarli non appena riaffioreranno sulla superficie in padella;
  • non resta che servirli nei piatti da portata – a piacere, con un paio di mestoli di brodo – magari qualche pezzetto di verdura – e ad una spolverata di formaggio parmigiano reggiano grattugiato: buon appetito!

Di Mamma Melacotta


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.