Rientro a scuola dei bambini: come affrontarlo

Set 07, 15 Rientro a scuola dei bambini: come affrontarlo

Il prossimo 14 settembre suonerà la campanella dell’inizio del nuovo anno scolastico 2015-2016, per cui ecco a fagiolo quanto al prossimo rientro a scuola dei bambini: come affrontarlo

Rientro a scuola dei bambini: come affrontarlo, dopo ben 3 mesi di vacanze estive, è infatti la questione che più preoccupa le mamme ed i papà sin da questi giorni!
Come aiutare i propri bimbi a tornare a scuola nel modo più “soft” possibile? Ecco qualche consiglio pratico!
foto-scuola-elementareAnzitutto è bene dire che la cosa fondamentale per agevolare il rientro a scuola dei bambini, bisogna recuperare i giusti ritmi, onde affrontare al meglio, il nuovo impegno scolastico, ad iniziare dai ritmi della nanna e della sveglia.
Proprio per questo è fondamentale anticipare gradatamente l’ora della nanna e del risveglio mattutino, considerando che è importante che un bambino dorma 8/10 ore per notte, onde poter affrontare la giornata scolastica al meglio. E’ bene quindi riabituarli a questo ritmo per tempo, con una certa gradualità.
Cosa non meno importante è poi fare una sana colazione per iniziare bene la giornata, per cui è opportuno anticipare la sveglia gradualmente, onde dare il tempo al bambino di fare un’adeguata prima colazione, considerando che come raccomandano i nutrizionisti, questa deve coprire almeno il 15-20 % dell’apporto calorico giornaliero.
Ma attenzione, perchè questo non vuol dire che bisogna esagerare con le calorie di brioche e prodotti confezionati, dato che le calorie devono provenire da tutti i nutrienti e precisamente:

  • il 12-15 % dalle proteine;
  • il 30 % dai grassi;
  • il 50-55 % dai carboidrati;
  • senza dimenticare le vitamine, i sali minerali, le fibre e l’acqua.

Insomma, ampio spazio quindi a latte, ai cereali, allo yogurt, alle fette biscottate, ai biscotti secchi, alla marmellata e soprattutto ad una bella macedonia di frutta fresca, o in alternativa ad un’ottima spremuta d’arancia.
Prima quindi che torni inoltre il freddo autunnale, finché il tempo lo permette è importante far giocare i bimbi all’aperto, lasciando scaricare il loro organismo, producendo endorfine, preziose per contrastare in modo naturale il cattivo umore e aiutando la ripresa con sprint.
E sempre per non appesantire eccessivamente il proprio bambino, è importante ricordare che per quanto giocose e divertenti le attività extrascolastiche, rappresentano comunque un impegno da affrontare, dopo ben 8 ore a scuola sui banchi!
Ma attenzione, questo non significa che bisogna lasciar i bimbi davanti alla tv o giocare alla play station più del solito: l’uso dei dispositivi elettronici è in ogni caso da limitare, onde favorire un buon sonno ristoratore.
Per contro, sono da preferire invece attività da tavolo, giochi di fantasia oppure giochi di società da fare magari anche insieme a mamma e papà!

.

di Tata M. Eliana


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.