Salute bambino: le adenoidi

Feb 10, 13 Salute bambino: le adenoidi

Parliamo stasera prima della nanna di adenoidi, per rispondere ad una mamma che ci ha chiesto “Buon giorno, ho una richiesta. Potete dirmi qualcosa sulle adenoidi? Mia figlia Giulia di tre anni, russa come un uomo! Grazie Sonia”.

.

Con il nome di adenoidi, si intende volgarmente l’ipertrofia delle adenoidi ovvero un ingrossamento che provoca un ostacolo alla respirazione da parte del bambino delle adenoidi.

Le anedoidi sono posizionate nel rinofaringe dietro e sopra le tonsille esse sono masserelle a grappolo di tessuto di tipo linfatico hanno una funzione di produzione di anticorpi e di aiuto da parte dell’organismo a combattere le infezioni. Dai tre fino ai sette anni circa di età, le adenoidi crescono in modo da dare una protezione in più ai polmoni. Dopo con l’approssimarsi dell’adolescenza perdono la loro funzione e diventano inattive.

Un certo grado di ipertrofia adenoidea non è patologico ma una caratteristica normale del processo in seguito a un processo infettivo.

L’ipertrofia inizia a diventare un problema quando esse diventano un ostacolo alla foto adenoidirespirazione nasale e causano un ristagno delle secrezioni nasali in gola:

  • naso chiuso con rinite cronica persistente associata a rinorrea;
  • sinusite, cioè l’infiammazione dei seni paranasali;
  • otiti medie ricorrenti;
  • respiro caratterizzato da una bocca sempre semi aperta;
  • alito maleodorante;
  • timbro di voce nasale;
  • laringotracheiti recidivanti con tosse secca insistente;
  • russare molto rumorosamente e durante il sonno presenza anche di apnee ostruttive;
  • facies tipica in quanto respirare a bocca aperta cambia l’espressione del viso (viso emaciato, naso affilato, palato ogivale con incisivi sporgenti).

La prima immagine sotto, mostra le adenoidi normali, nella seconda sono ipertrofiche ed infine nella terza sono francamente patologiche e da operare. Si vede come il canale sia completamente ostruito.

foto adenoidiTrattamento dell’ipertrofia delle adenoidi

Nelle fasi iniziali, il pediatra invierà il bambino da un otorinolaringoiatra che dopo una visita accurata e delle indagini radiologiche imposterà una terapia farmacologica che vuole far regredire la sintomatologia e diminuire il volume delle adenoidi e la loro ostruzione. Si è visto che molto efficaci sono anche i soggiorni al mare e termali con aerosol.

Se l’ostruzione persiste e soprattutto persistono anche le ricorrenti otiti medie causate dall’ingrossamento delle adenoidi, compare una riduzione dell’udito o la facies tipica si consiglia l’intervento chirurgico.

E’ necessario un intervento di asportazione delle adenoidi stesse in chirurgia. Tale intervento è chiamato adenoidectomia.

L’intervento di adenoidectomia viene eseguito in narcosi totale (anestesia totale )con intubazione oro-tracheale è un breve intervento in cui il chirurgo rimuove totalmente le adenoidi ingrossate.

.

Di Roberta Tonini


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.