Scoperta proteina chiave per l’autismo

Mag 21, 13 Scoperta proteina chiave per l’autismo

Un team di scienziati italiani dell’Università degli Studi di Milano, precisamente dell’Istituto di Neuroscienze del CNR e Humanitas,  ha fatto una scoperta davvero sensazionale e unica nel campo dell’autismo.

Ha scoperto una importante funzione della proteina chiamata Eps8, la quale ha un ruolo chiave per quanto riguarda la memoria e l’apprendimento: essa potrebbe essere infatti utile per intraprendere terapie contro l’autismo e il ritardo mentale, nonché di importanti patologie a livello cerebrale e comportamentale.

foto-autismo.Secondo il team di esperti, l’assenza genetica della proteina Eps8 sarebbe infatti una delle concause di alcune malattie del sistema nervoso. La proteina pare infatti che agirebbe principalmente sui neuroni, rafforzandoli e rendendo più efficienti le sinapsi.

Le sinapsi sono delle strutture altamente dinamiche , che variano come numero e forma, sia durante lo sviluppo del cervello, sia nell’organismo adulto. Questo è possibile grazie alla plasticità neuronale, alla base dell’apprendimento, dell’attenzione, del processo decisionale, dell’umore, dell’affetto e di molte altre funzioni dell’organismo umano. Riassumendo quindi, le sinapsi curano le comunicazioni tra i neuroni e, in questo caso, cellule e nervi: la proteina rafforza la struttura di questi elementi.

foto-autismo..L’assenza della proteina può comportare quindi deficit di memoria, difficoltà nell’apprendimento e può essere associata a difetti morfologici dell’ippocampo, specialmente verso le sue sinapsi eccitatorie, le quali appaiono troppo premature e totalmente incapaci di variare di numero, come nello studio, è stato riscontrato nel cervello dei pazienti affetti da autismo.

L’importanza della scoperta di questa eccezionale equipe non è pertanto tanto l’esistenza della proteina stessa, ma quanto, la possibilità di utilizzare queste informazioni per aprire a terapie innovative contro la disabilità intellettiva e le varie patologie del sistema nervoso centrale, autismo e ritardo mentale in primis.

.

di Elisabetta Coni


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.